Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Michelangelo Buonarroti

(nota al capitolo , paragrafo 1)

I giudizi della critica ottocentesca sulla produzione letteraria di MICHELANGELO BUONARROTI furono fortemente condizionati dall'ammirazione per la gigantesca levatura della sua personalità artistica e umana; solo nel Novecento si è pervenuti a una valutazione meno incensatoria e più spassionata che ha portato a sottolineare la pregnanza ma anche la frequente oscurità del suo dettato e il carattere frammentario della sua lirica, in cui intuizioni profonde e immagini efficaci non riescono a collocarsi in un'architettura organica.
Scultore, pittore, architetto, Michelangelo — che era nato a Caprese nel Casentino — fu allievo del Ghirlandaio e di altri artisti e visse a lungo a Firenze e a Roma al servizio dei Medici e di pontefici, impegnato nella realizzazione di opere famosissime; nel 1529-30 partecipò alla difesa di Firenze.
La sua produzione letteraria, animata dal contrasto tra la visione rinascimentale della vita e una rigorosa esigenza religiosa, comprende Rime e Lettere.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo