Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Francesco Guicciardini

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Una tappa fondamentale nella storia della critica su FRANCESCO GUICCIARDINI è costituita dalla pubblicazione (1857-67) dei dieci volumi delle Opere inedite che, facendo conoscere la massima parte dei suoi scritti, diedero nuovo impulso agli studi guicciardiniani, fino ad allora incentrati quasi esclusivamente sull'analisi della Storia d'Italia.
Sulla base di tali documenti fu possibile una più sicura caratterizzazione della concezione storico-politica di Guicciardini, del suo realismo disincantato e rassegnato (ma anche sofferto) e della sua opposizione a Machiavelli che si manifesta, tra l'altro, nel rifiuto di qualsiasi principio universale come criterio interpretativo della realtà («è grande errore parlare delle cose del mondo indistintamente e assolutamente, e, per dire così, per regola») e nella negazione della utilità dell'insegnamento dei classici («Quanto si ingannano coloro che a ogni parola allegano e Romani!»).
La concezione del «particulare», lo scetticismo che percorre gli scritti guicciardiniani (insieme, però, con la volontà razionale di analizzare minuziosamente i fatti e di veder chiaro) testimoniano il declino dell'affermazione rinascimentale della capacità dell'uomo di dominare e plasmare il mondo.
Fra gli scritti minori sono da ricordare l'Accusatoria, la Defensoria e la Consolatoria, composte negli anni della forzata inazione nella villa di Finocchieto (1527-30) per difendersi dalle accuse formulate contro il suo operato politico; nel 1945 è stata pubblicata per la prima volta dal Ridolfi un'altra opera storica, le Cose fiorentine, rimasta incompiuta.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo