Capitolo

6

Il Rinascimento

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)


Matteo Bandello

(nota al capitolo 6, paragrafo 2)

Dopo aver studiato a Milano e a Pavia, MATTEO BANDELLO entrò nell'ordine domenicano e viaggiò a lungo insieme con lo zio Vincenzo, priore del convento di S. Maria delle Grazie; dopo la morte di questi, fu in relazione con i Bentivoglio, gli Sforza, i Gonzaga e i Fregoso; uscito dall'ordine, dopo altre peregrinazioni si trasferì in Francia dove godé della protezione di Francesco I.
Autore di un canzoniere e altre opere minori, Bandello — che nelle sue Novelle rinunciò alla cornice di tipo boccaccesco — è stato a lungo considerato un fedele cronista della vita del Rinascimento, attento più all'aspetto documentario che a quello artistico.
Oggi, però, si è dimostrato che dietro i suoi racconti vi è una ricchissima tradizione novellistica e che il suo realismo non consiste nella semplice verità cronachistica.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)