Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Jacopo Sannazzaro

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Amico del Pontano, cortigiano fedele alla dinastia aragonese (oltre a seguire Federico III in esilio, non volle, dopo il ritorno in Italia, collaborare con i nuovi dominatori spagnoli e visse in disparte gli ultimi anni della sua vita), scrittore in latino e in volgare, JACOPO SANNAZZARO è uno dei più significativi esponenti di quell'umanesimo napoletano che non conobbe l'impegno civile dell'ambiente culturale fiorentino, ma si volse piuttosto a vagheggiare un mondo di idillica dolcezza, inteso come sostanziale disimpegno politico e sociale.
La sua opera maggiore, l'Arcadia, è scritta in una prosa armonica e poetica direttamente esemplata sui modelli latini ed è tutta intessuta di quadri di vita pseudo-pastorale che ne sottolineano la staticità e la mancanza di un vero tessuto narrativo.
L'opera godette per secoli di una fortuna vastissima e di dimensioni europee, finché la critica illuministica e romantica non iniziarono un processo correttivo che ne svelò la convenzionalità e ne fece «uno dei templi sconsacrati della nostra poesia» (Momigliano).

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo