Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Coluccio Salutati

(nota al capitolo , paragrafo 1)

COLUCCIO SALUTATI (1331-1406) contribuì alla definizione dei caratteri fondamentali del primo umanesimo fiorentino sostenendo l'esigenza di una cultura calata nella «vita associata e attiva» e ponendosi fra i sostenitori del cosiddetto «umanesimo civile».
Dopo aver compiuto gli studi giuridici a Bologna, fu notaio, ebbe uffici politici in varie città (Todi, Roma, Lucca) e dal 1375, per trent'anni, ricoprì la carica di cancelliere del Comune di Firenze. Amico di Petrarca e Boccaccio, ammiratore dei classici, frequentatore del Paradiso degli Alberti, ottenne nel 1397 che fosse chiamato ad insegnare greco nello Studio fiorentino Manuele Crisolora.
Fra le sue opere, oltre a vari trattati (De fato, fortuna et casu, De saeculo et religione, De verecundia, De tyranno etc.), è da ricordarsi l'epistolario, in 14 libri, che si richiama ai modelli di Petrarca e Cicerone e, accompagnando e commentando la vita dell'autore, affronta alcuni dei più attuali problemi culturali del primo umanesimo.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo