Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Giovanni Villani

(nota al capitolo , paragrafo 1)

La prima idea di comporre una cronaca venne a GIOVANNI VILLANI nel 1300, durante un soggiorno a Roma per il giubileo bandito da Bonifacio VIII, ma la stesura dell'opera fu iniziata intorno al 1306.
Generalmente svalutata (anche da De Sanctis che la definì «monotona e sazievole») sulla base di un inopportuno confronto con la cronaca del Compagni, l'opera del Villani rivela in parte la sopravvivenza di una mentalità storiografica medievale ed è caratterizzata da un tono dimesso e spassionato e da un'ansia di imparzialità che talora è stata confusa con l'indifferenza.
Ricchissima fonte documentaria, scritta da un uomo esperto degli affari e della cosa pubblica, la Cronica si attiene alla tradizione annalistica e, pur risentendo della interpretazione provvidenziale della storia, è attenta alle componenti mondane e al valore dell'azione umana.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo