Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Gioacchino da Fiore

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Le notizie sulla vita di GIOACCHINO DA FIORE sono ancora oggi incerte e contornate di leggenda. Nato a Celico, nel Cosentino, si recò fra il 1147 e il 1149 in Palestina; nel 1152 entrò nell'ordine cistercense e fu nell'abbazia di Sambucina, in quella di Corazzo e, fra il 1183 e il 1184, a Casamari. Gli ultimi anni della sua vita furono dedicati all'organizzazione e alla cura della Congregazione Florense (da lui fondata nel 1189) che ebbe la sede nel convento di Fiore, tra le foreste della Sila.
Il messaggio profetico e rinnovatore dell'abate calabrese non sfuggì all'attenzione e al consenso di Dante che, nel quadro della Commedia, collocò Gioacchino in paradiso, nel cielo del Sole: del resto, analogie con immagini e spettacoli della Commedia si possono cogliere nel Liber figurarum, una raccolta di tavole che illustrano figurativamente i concetti espressi nelle opere di Gioacchino.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo