Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Guido Guinizzelli

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Nato a Bologna fra il 1230 e il 1240, GUIDO GUINIZZELLI risentì dell'atmosfera culturale della sua città che in quei tempi era uno dei più attivi centri di studi giuridici e filosofici della penisola. Fu giudice e prese parte alla vita politica parteggiando per la fazione ghibellina dei Lambertazzi; in seguito al trionfo dei guelfi Geremei, la sua famiglia fu cacciata da Bologna e si rifugiò in esilio a Monselice, dove il poeta morì intorno al 1276.
Salutato da Dante come l'iniziatore del Dolce stil novo e come «padre suo e degli altri suoi miglior», Guido risente della tradizione trobadorico-guittoniana molto diffusa nella sua città, ma se ne distacca dando vita a un processo di rinnovamento che lo porta a innestare sul ceppo delle precedenti esperienze letterarie nuove, personali soluzioni tematiche e stilistiche.
Intessuta di concetti filosofici e scientifici, la lirica guinizzelliana (6 canzoni e 16 sonetti) non si riduce quasi mai ad arido intellettualismo: a ravvivarla intervengono l'ardore di convinzione, il tono estatico e soprattutto, quel gusto «visivo» che risolve la commozione amorosa in una serie di immagini naturali piene di luce e delineate con squisita fattura.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo