Capitolo

21

Dalla Resistenza ai nostri giorni

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)


Beppe Fenoglio

(nota al capitolo 21, paragrafo 2)

L'interesse per la cultura anglosassone, la partecipazione alla Resistenza armata (nelle file dei «badogliani») e l'impiego presso una ditta vinicola sono i fatti fondamentali della breve vita — trascorsa quasi interamente nella natia Alba — di BEPPE FENOGLIO.
La sua prima opera narrativa, I ventitré giorni della città di Alba, fu pubblicata da Vittorini nella collana «I gettoni», ma la sua fama si è venuta affermando soprattutto dopo la morte, in coincidenza con la pubblicazione degli inediti (Il partigiano Johnny, in particolar modo, fu un discusso caso letterario).
Fra gli altri scritti — che rivelano una attenta ricerca stilistica ricostruibile attraverso le varie redazioni dei romanzi — abbiamo La malora (1954) e La paga del soldato (1969).

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)