Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Carolina Invernizio

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Lo strepitoso successo dei romanzi di CAROLINA INVERNIZIO — «onesta gallina della letteratura popolare», come la definì Gramsci — si presta a interessanti indagini sociologiche sulla composizione del suo pubblico e sulle motivazioni ideologiche e psicologiche di una tale straordinaria fortuna (le tirature raggiungevano spesso le centinaia di migliaia di copie).
Figlia di un funzionario dei Savoia, accanita lettrice di romanzi di appendice (soprattutto Mastriani), la Invernizio risiedé a Firenze dove visse vita di salotto. Nel 1877 ottenne il primo grande successo con il romanzo Rina o l'angelo delle Alpi, pubblicato dall'editore Salani.
Da allora — più tardi la scrittrice si trasferirà a Torino — i giornali si contenderanno le sue opere a cui la critica ufficiale continuerà a guardare con atteggiamento di indifferenza o di disprezzo.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo