Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Carlo Collodi

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Di idee mazziniane, CARLO COLLODI (pseudonimo di Carlo Lorenzini) partecipò come volontario alla prima e alla seconda guerra d'indipendenza e, tranne brevi periodi, visse quasi sempre a Firenze.
Frequentò l'ambiente dei macchiaioli e svolse intensa attività giornalistica (fondò anche giornali quali «Il lampione» e «La scaramuccia») con articoli su macchiette, bozzetti di ambiente toscano, note di costume: questi articoli, in cui il prevalente tono umoristico lascia trasparire il moralismo dell'autore, furono in seguito raccolti in volumi (Macchiette, Occhi e nasi, Storie allegre, Note gaie).
Critico teatrale (fece parte della commissione di censura teatrale) e autore di commedie e dei Misteri di Firenze — tentativo fallito di romanzo sul modello dei Misteri di Parigi di Sue —, Collodi ottenne la fama con i libri per ragazzi a cui si dedicò quasi per caso (Giannettino, Minuzzolo, Pinocchio — pubblicato a puntate sul «Giornale per i bambini» tra il 1881 e il 1883).

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo