Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Giovanni Verga

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Se è vero che nello svolgimento della narrativa di GIOVANNI VERGA si possono cogliere i vari momenti dell'evoluzione del romanzo italiano ottocentesco (dal romanzo storico a quello veristico, attraverso l'esperienza intermedia delle narrazioni di gusto psicologico e sentimentale), è altrettanto indiscutibile che già nelle prime opere si possono individuare motivi che preludono alla più genuina ispirazione realistica dello scrittore.
L'adesione al verismo e alla teoria dell'impersonalità comportò l'adozione di un linguaggio e uno stile antiletterari e antiaccademici che, adeguandosi alla psicologia e alla condizione sociale dei personaggi, si richiamavano alla sintassi dialettale, ma non escludevano la contenuta partecipazione dell'autore alle vicende e l'atteggiamento critico nei confronti di una società, quella borghese, cui pure non si riconoscono alternative.
E la lingua dialettale e la polemica antiborghese furono, insieme con la coincidenza dei fortunatissimi fenomeni del fogazzarismo e del dannunzianesimo, fra i motivi che determinarono l'insuccesso dei romanzi verghiani alla fine dell'Ottocento.
Solo dopo il primo conflitto mondiale si assiste a un generale e crescente apprezzamento della critica e del pubblico che guardano ormai a Verga come a uno dei più grandi narratori del secolo scorso. Il Russo, a cui si deve (1920) la prima organica valutazione della personalità e dell'opera di Verga, pose l'accento sulla funzione disciplinatrice delle dottrine veristiche sulla narrativa verghiana e sui temi («religioni») della casa e della roba, mentre la critica più recente tende a cogliere i legami tra l'ideologia e la produzione letteraria di Verga e a individuare i caratteri specifici e il valore del suo realismo nell'ambito della cultura italiana del tempo.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo