Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Arrigo Boito

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Dopo avere studiato al Conservatorio di Milano (dove strinse amicizia con il futuro direttore d'orchestra Franco Faccio), ARRIGO BOITO dimostrò ancora giovanissimo qualità di musicista che gli consentirono di ottenere una borsa di studio e di intraprendere un viaggio in varie città europee.
Tornato a Milano, frequentò gli ambienti della Scapigliatura e divenne amico di Emilio Praga, con il quale diresse il giornale «Figaro» (1864) e partecipò a polemiche letterarie. Volontario garibaldino nel 1866, inizialmente alternò l'attività letteraria con l'interesse per la musica, ma ben presto quest'ultimo, anche in conseguenza dell'amicizia con Verdi, fini per prevalere. Per quattordici anni — dall'84 al '98 — ebbe una relazione con Eleonora Duse.
Uno degli aspetti della sua poesia (nella quale Croce vide la prima espressione italiana del romanticismo inteso come «visione sconvolta, straziata ed antitetica della vita») consiste nel tentativo di dissolvere in musica le forme linguistiche tradizionali.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo