Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Pietro Giordani

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Profondo conoscitore del latino e del greco, PIETRO GIORDANI fu condizionato nelle sue simpatie letterarie da pregiudizi retorici di stampo puristico che lo portarono, ad esempio, a dichiarare la sua ammirazione per i «grandi gesuiti» del Seicento (Segneri, Pallavicino e Bartoli) e ad accusare di barbarie e oscurità lo stile di autori quali Bruno, Vico e Campanella.
Ostile ai poeti estemporanei e convinto che la prosa italiana sarebbe risorta se si fosse ispirata al modello dello stile greco, aspirò a un ideale di perfetto scrittore e credette di vederlo realizzato nel giovane Leopardi («inveni hominem», dice in una lettera del 21 settembre 1817). Lottò per una scuola che concedesse spazio a studi più concreti (storia, scienze naturali, matematica, economia etc.) e scrisse molte opere, in genere di breve respiro o lasciate incompiute.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo