Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Vincenzo Gioberti

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Ordinato sacerdote nel 1825 e nominato nel '26 cappellano della corte sabauda, VINCENZO GIOBERTI trascorse la giovinezza dedito agli studi. Di salute cagionevole, fece alcuni viaggi e nel 1828, nel circolo fiorentino del Vieusseux, conobbe Leopardi (ne divenne amico e lo accompagnò nel viaggio di ritorno a Recanati).
Accostatosi alle idee mazziniane, nel 1833 chiese l'esonero dall'incarico a corte e poco dopo fu arrestato e costretto all'esilio. Negli anni dell'esilio (1833-48) scrisse le principali opere filosofiche e politiche e acquistò grande fama in seguito alla pubblicazione del Primato.
Tornato a Torino dopo l'elezione a deputato, compì un lungo e trionfale viaggio per l'Italia e alla fine del '48 ebbe l'incarico di formare un nuovo effimero ministero. Dopo Novara fu ambasciatore straordinario a Parigi, ma presto si dimise ritirandosi a vita privata.
Oltre che come autore di scritti politici e filosofici, Gioberti occupa un posto non trascurabile nella storia della critica letteraria dell'Ottocento.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo