Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Giuseppe Mazzini

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Cresciuto in una famiglia in cui erano presenti fermenti giansenistici e democratici, GIUSEPPE MAZZINI si laureò in giurisprudenza nel 1827, ma rivelò ben presto spiccati interessi politici e letterari (suoi articoli apparvero sulle riviste «L'Indicatore genovese» e «L'Indicatore livornese»).
Arrestato per la sua adesione alla Carboneria, andò in esilio in Francia dove fondò la Giovane Italia, associazione e giornale ispirati a ideali rivoluzionari e democratici. Da allora iniziò una instancabile propaganda a favore della soluzione unitaria e repubblicana del moto risorgimentale, né i continui fallimenti dei tentativi insurrezionali valsero a piegare il suo carattere e a distoglierlo dal programma perseguito come una missione.
In seguito all'affermazione delle forze moderate e sabaude e con l'avvento del socialismo marxista fu tagliato fuori dalla politica e morì dimenticato a Pisa.
Fra i suoi molti scritti abbiamo Fede e Avvenire (1835), Dopo Aspromonte (1862), Questione sociale (1871), il ricco epistolario.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo