Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Tommaso Grossi

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Di modesta famiglia, TOMMASO GROSSI crebbe sotto la protezione di uno zio sacerdote e si laureò in giurisprudenza nel 1810.
Amico di Porta e frequentatore della «cameretta», compose inizialmente opere in dialetto milanese (il poemetto satirico La Prineide, 1815, ispirato alla morte del ministro Prina e per il quale fu sottoposto a processo; la novella in versi la Fuggitiva, 1816, in cui è delineata una figura femminile delicata e sofferente che si ritrova anche negli scritti successivi).
Dopo il successo dell'Ildegonda (1820) che concilia i motivi patetici con il gusto delle atmosfere ossessive e allucinanti, Grossi — che cercò sempre di evitare contrasti con il governo austriaco — compose I Lombardi (poema lungamente atteso nell'ambiente milanese dove suscitò perplessità e polemiche) e il Marco Visconti che si ispira, nel linguaggio e in certe situazioni, al modello manzoniano.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo