Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Ugo Foscolo

(nota al capitolo , paragrafo 1)

La personalità e l'opera di UGO FOSCOLO sono caratterizzate da un contrasto drammatico tra le inquietudini del temperamento passionale e generoso e la ricerca di un equilibrio interiore, tra le sue aspirazioni politiche e le vicende storiche del tempo, tra il classicismo in crisi e le nuove formule che si andavano affermando.
Le Ultime lettere di Jacopo Ortis, romanzo autobiografico in forma epistolare, che fu più volte rielaborato e per cui Foscolo fu ingiustamente accusato di aver plagiato il Werther di Goethe, fu scritto in uno stile appassionato e fremente che costituirà un autentico filone nella storia della prosa letteraria dell'Ottocento.
Dopo i dodici Sonetti (tradizionalmente divisi in due gruppi di cui i primi otto risentono dell'atmosfera passionale dell'Ortis e gli ultimi quattro — Alla Musa, A Zacinto, In morte del fratello Giovanni, Alla sera — esprimono in forma più pacata e armonica la meditazione e i miti foscoliani) e dopo le due Odi (celebrazione della bellezza consolatrice e trionfante su disgrazie e malattie) Foscolo compose i Sepolcri.
Accusato di oscurità da Giordani, il carme nacque dall'esigenza di chiarire il rapporto tra la concezione meccanicistica e materialistica e le illusioni create dal sentimento, ma trovò la sua causa occasionale nelle discussioni sull'editto napoleonico di Saint-Cloud (1804): per Foscolo, che esalta la poesia eternatrice simboleggiata da Omero, il sepolcro ha funzione umana (in quanto garante della «corrispondenza di amorosi sensi») e civile (perché le tombe degli uomini illustri, come quelle di Maratona e S. Croce, stimolano a magnanime imprese).
Importante nella storia dell'evoluzione foscoliana è la Notizia intorno a Didimo Chierico — pubblicata in appendice alla traduzione del Viaggio sentimentale di Sterne — in cui, in uno stile pacato e lontano dal modello ortisiano e con un tono distaccato e venato di ironia, troviamo una nuova incarnazione ideale del poeta aspirante al controllo e all'infrenamento delle passioni. è l'ideale che domina nelle Grazie (incompiute e divise in tre inni celebranti le Grazie come simbolo di civilizzazione), cui Foscolo lavorerà soprattutto nel soggiorno fiorentino del 1812-13 e durante l'esilio londinese.
A quest'ultimo periodo appartengono anche i principali scritti dì critica letteraria quali i Saggi sul Petrarca, il Discorso sul testo della Divina Commedia, il Discorso storico sul tetto del Decamerone, gli studi Sui poemi narrativi e romanzeschi italiani, Della nuova scuola drammatica in Italia, Sullo stato attuale della letteratura italiana: in questi saggi che segnano un progresso rispetto alla critica settecentesca e anticipano tendenze della metodologia romantica — Foscolo, che condannò il vero storico manzoniano, sostiene la necessità di ricostruire la psicologia degli autori, analizzarne i problemi di lingua e stile e cogliere i legami con il periodo storico.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo