Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Vincenzo Monti

(nota al capitolo , paragrafo 1)

La personalità di VINCENZO MONTI è interessante non solo per i risultati artistici conseguiti, ma anche (e, forse, soprattutto) perché meglio di altre riflette le varie componenti letterarie e le diverse reazioni politiche della società di fronte ai grandi mutamenti storici del suo tempo.
La disponibilità a celebrare — senza porsi eccessivi problemi di coerenza politica — l'ideologia della classe al potere (De Sanctis lo definì segretario dell'opinione dominante»), la concezione della poesia intesa come fastoso e mitico ornamento della realtà arida e meschina, la scarsa profondità dell'impegno morale («poeta dell'orecchio e dell'immaginazione, del cuore in nessun modo», disse Leopardi), l'eclettismo e la tendenza a produrre «poesia sulla poesia» (Croce) spiegano gli atteggiamenti assunti dalla critica nei confronti di Monti (dalla riserva di ordine morale e civile dell'età risorgimentale alla rivalutazione carducciana, agli approfondimenti estetici o storicizzanti del Novecento).
Fra le opere del ventennio romano abbiamo La prosopopea di Pericle (ispirata al ritrovamento di un busto di Pericle e celebrante l'età di Pio VI), la Bellezza dell'Universo (in cui mira a una conciliazione tra tradizione biblica e gusto classico), gli sciolti Al principe Sigismondo Chigi e i Pensieri d'amore (che trasfigurano in senso wertheriano la sua esperienza d'amore con Carlotta Stewart), l'ode Al signore di Montgolfier (celebrazione del primo volo in pallone aerostatico e del progresso scientifico, sempre miticamente trasfigurati) etc.
Talora, come nella Musogonia e nella Feroniade (scritta per celebrare la bonifica delle paludi pontine intrapresa da Pio VI), il mito fu sentito da Monti come evasione fantastica e rifugio in un mondo di serenità e bellezza, e, secondo alcuni, sarebbero questi i momenti migliori della sua poesia.
Trasferitosi a Milano e ottenuta nel 1802 la cattedra di eloquenza a Pavia e nel 1804 la nomina a «poeta del governo italiano», esercitò, pur fra le polemiche, un autentico magistero letterario (tra gli altri fu ammirato dal giovane Manzoni) e strinse relazioni con letterati italiani e stranieri.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo