Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Carlo Innocenzo Frugoni

(nota al capitolo , paragrafo 1)

Dopo aver viaggiato a lungo (fu a Brescia, Roma, Bologna, Venezia, Piacenza) e aver stretto rapporti di amicizia con numerosi letterati (fra cui Gravina, E. Manfredi, Algarotti), CARLO INNOCENZO FRUGONI divenne poeta della corte di Parma, rivelando prontezza inventiva e facilità di versificazione che lo resero gradito ai suoi protettori ma spesso lo portarono alla sciatteria e alla vacua teatralità.
Entrato in Arcadia con il nome di Comante Eginetico e fondatore della colonia parmense nel 1739, Frugoni collaborò con il ministro Du Tillot. Padrone della tecnica e sperimentatore di metri, condizionato dalla povertà di sentimenti e di pensiero, ottenne migliori risultati nei componimenti galanti che esprimono l'edonismo epicureo congeniale a lui e alla società molle e aristocratica di cui fu il compiaciuto poeta e celebratore.
Ammirato e imitato ai suoi tempi («padre incorrotto di corrotti figli», lo definì. Monti), fu poi svalutato da illuministi e romantici (De Sanctis ne sottolineò la «perfetta vacuità e indifferenza del contenuto»).

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo