Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Giambattista Basile

(nota al capitolo , paragrafo 1)

GIAMBATTISTA BASILE condusse vita errabonda: fino al 1607 fu a Candia come soldato mercenario al servizio della Repubblica di Venezia, poi a Mantova presso i Gonzaga e infine, dopo il ritorno nell'Italia meridionale, ottenne vari incarichi e fu governatore di diverse città.
Autore di opere in lingua di gusto marinistico e di scarso valore artistico (poesie, idilli, enigmi mondani, un poema in ottave etc.), fornito di notevole cultura e di esperta tecnica letteraria, fu editore e commentatore di poeti (curò edizioni delle rime di Bembo, Della Casa, Galeazzo di Tarsia).
Le sue opere migliori, e che esercitarono influenza sulla successiva letteratura favolistica, sono quelle in dialetto napoletano (soprattutto il Pentamerone) in cui l'elemento magico e fiabesco è mescolato a note realistiche e ambientali e la materia è trattata con arte consumata e con un tono che contempera la cordiale simpatia e la tendenza a una lieve ironizzazione (rivelatrice del superiore distacco dell'autore).

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo