Capitolo


PREMIO ANTONIO PIROMALLI
2019
PER TESI DI LAUREA MAGISTRALE O DOTTORATO DI RICERCA

- CENTRO INTERNAZIONALE SCRITTORI DELLA CALABRIA
- FONDO ANTONIO PIROMALLI ONLUS

Scarica il bando completo


Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata






più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo


Paolo Sarpi

(nota al capitolo , paragrafo 1)

PAOLO SARPI (il nome di battesimo era Pietro, ma lo cambiò entrando nell'ordine dei Serviti), dopo una giovinezza dedita agli studi e a soggiorni in diverse città (Mantova, Milano, Roma), si stabilì a Venezia, dove alternò gli studi e le polemiche a dotte conversazioni con uomini di cultura italiani e stranieri, cattolici e protestanti.
Fornito di vastissima cultura (teologica, giuridica, scientifica), Sarpi è comunemente considerato — per la forza di sintesi con cui riesce a organizzare e dominare il materiale, per la capacità di cogliere, da anatomista infaticabile, i piccoli e intricati moventi dell'azione politica, per la chiarezza della visione storica — il maggiore esponente della storiografia italiana del Seicento.
Scrittore antibarocco e antiletterario che bada non alle parole ma alle cose, si serve di uno stile «geometrico» e di un linguaggio originale che, sul tronco fondamentale del toscano cinquecentesco, fonde e armonizza una consumata esperienza del latino classico e l'uso del parlare veneziano.
Fra gli scritti minori sono da ricordare il Trattato delle immunità delle chiese e il Trattato delle materie beneficiarie (contro queste manifestazioni del processo degenerativo della chiesa cattolica), il Trattato di pace (sulle guerre degli Uscocchi, di ispirazione antiaustriaca), le lettere.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo